COMUNICATO STAMPA N.19: TURISMO SCOLASTICO: RIPARTIRE CON LE GIUSTE REGOLE

  • 04.11.2021 - COMUNICATO STAMPA N19
    Una proposta di dialogo sull’applicazione delle normative tra Fiavet-Confcommercio e MIUR
    Comunicato Stampa n.19: Turismo scolastico: ripartire con le giuste regole   

    “Il turismo è pronto alla ripartenza ma ha bisogno di aiuto a livello  istituzionale”. A dare il grido di allarme è Fiavet-Confcommercio attraverso il vicepresidente Giuseppe Ciminnisi.

    La prima necessità è a livello di applicazione delle normative: se bisogna ripartire da zero nel post pandemia è necessario che nelle gare di appalto per affidare i viaggi scolastici si faccia riferimento alle leggi esistenti e non a quelle abrogate ormai da tempo.  A chiarire  questo punto il legale della Federazione, Federico Lucarelli: “diversi bandi richiamano erroneamente la normativa del contratto di pacchetto turistico, una  legislazione nazionale e comunitaria ormai abrogata da tempo”.

    In alcune gare vengono inoltre richiesti, sempre erroneamente, requisiti soggettivi di partecipazione, non previsti dalla normativa di esercizio dell’attività delle agenzie di viaggi, come la certificazione ISO o altre simili, creando così disparità nell’accesso al bando.

    “Lo stesso vale per la garanzia fideiussoria che non ha ragione di essere richiesta nel bando - afferma Lucarelli –le agenzie di viaggi infatti sono già  coperte, in caso di insolvenza o fallimento,  dal proprio Fondo di Garanzia che tutela tutte le parti come normato dall’ex art. 47 del Codice del Turismo”,

    Le agenzie di viaggi chiedono, sempre nel rispetto della normativa del Codice del Turismo, il rispetto della normativa del Codice del Turismo in materia di pagamenti, condizione essenziale per assicurarsi in anticipo l’acquisto dei servizi e bloccare il prezzo.

    Secondo il legale di Fiavet, inoltre, c’è un’errata applicazione della “rotazione” e del “sorteggio” per l’affidamento dei contratti e  soprattutto  non si può  revisione del prezzo. Queste regole violano l’art. 39 del Codice del Turismo, che consente agli organizzatori di pacchetti di viaggio di incrementare il prezzo fino a 20 giorni prima della partenza, nei limiti dell’8% per la variazione di talune voci di costo  che non hanno nulla a che vedere con i parametri commerciali,  come le tasse di sbarco/imbarco, il tasso di cambio valutario, l’aumento del costo del carburante nel trasporto passeggeri.

    Fiavet-Confcommercio, infine chiede un intervento del MIUR nei confronti delle Istituzioni Scolastiche che non intendono riconfermare le aggiudicazioni di viaggi poi cancellati a causa dell’emergenza sanitaria come da decreto del 2020.

    “Fiavet-Confcommercio  vuole semplicemente applicare delle regole esistenti in un momento di grande difficoltà, ma anche di grande rinnovamento” afferma il vicepresidente Giuseppe Ciminnisi. “Vorremmo aprire un dialogo su questi temi con il MIUR in pieno spirito collaborativo, magari assieme al Ministero del Turismo, con l’obiettivo di una ripartenza  tempestiva e consapevole”.

     


    ALLEGATI

Evento Fiavet Zagabria
Quesiti Fatturazione Elettronica
FIAVET - EBNT
ACCORDO FIAVET - TRENITALIA
IMPRESE DI VIAGGI E TURISMO - ASPETTI FISCALI
LO STUDIO DI SETTORE PER LE AGENZIE DI VIAGGI E TOUR OPERATOR
L'AGENTE DI VIAGGIO ONLINE
Contratto turismo scolastico
Focus tassa di soggiorno
Quesiti Fiscali
SOTTOSCRIVI I FEED RSS E RESTA AGGIORNATO CON FIAVET
twitter facebook

ULTIME NOVITÀ

LOGIN

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

INVIA

Torna alla login
ASSOCIATI ADESSO